Consumato in Asia da millenni, il tè è la bevanda più bevuta al mondo dopo l’acqua. Originario della Cina, del Giappone o altrove, le varietà di tè verde sono infinite, con nuove cultivar che appaiono continuamente. Anime più popolari Ma dai giardini più prestigiosi ai tè più mediocri, la scelta del tè verde può essere travolgente. Dobbiamo preferire i tè di case specializzate (Mariage Frères, Palais des thés, Dammann Frères…) a quelli venduti negli ipermercati (Lipton, Twinings, Tetley…)? Come sceglierlo e prepararlo al meglio per rispettare un prodotto di qualità? Que Choose ti guida attraverso la giungla delle foglie di tè.

CINA-GIAPPONE, QUALI SONO LE DIFFERENZE? : Il miglior tè verde

In tutti i tè verdi, le foglie subiscono poca o nessuna ossidazione, a differenza del tè nero. Per prevenire questo fenomeno, vengono sottoposti a calore subito dopo la raccolta per fermare gli enzimi ossidanti. Questo processo chiamato essiccazione varia a seconda del know-how di questi due storici produttori di tè.

L’antico metodo cinese richiede un serbatoio metallico riscaldato sotto un fuoco di legna o con l’elettricità (o grandi bombole negli stabilimenti industriali). Come fare il backup di iphone Questo caldo secco preserva i profumi floreali e fornisce un tè dal carattere vegetale talvolta esaltato da note di nocciola tostata.

In Giappone, dal XVI secolo, l’essiccazione avviene con il vapore, permettendo in particolare di creare il tipo di tè Sencha, che rappresenta il 70% della produzione giapponese. Fornisce aromi di verdure a foglia verde supportati da tipiche note di iodio e marine. Alcuni tè con il timbro Sencha non sono originari del Giappone ma sono prodotti in altre parti del mondo utilizzando questo metodo giapponese.

QUALI SONO I CRITERI PER IL TÈ DI QUALITÀ? : Il miglior tè verde

I migliori tè della nostra selezione provengono da case specializzate. Sono anche i più costosi. Il prezzo non è un criterio inarrestabile e il marketing a volte può gonfiare la nota. Ma i  provenienti da giardini prestigiosi sono molto costosi da acquistare e le case da tè generalmente guadagnano meno su questi prodotti rispetto ai tè comuni o alle miscele aromatizzate. È quindi improbabile che il tè verde troppo economico sia di alta qualità. Alcuni produttori mescolano tè di diverse origini (Indonesia, Cina, Kenya, ecc.) Provenienti da produzioni soggette a un’enorme pressione commerciale ea basso tasso. Vedrai questo se apri un sacchetto: una macina a secco con più polvere e foglie rotte che foglie intere, non è un buon segno …

Al contrario, i tè verdi più pregiati sono generalmente i tè primaverili. Raccolte a febbraio o marzo in Cina (a seconda della provincia) e dalla fine di aprile in Giappone, sono costituite dai germogli giovani, i più teneri e i più verdi, “il che permette di limitare i residui di pesticidi perché questi raccolti avvengono in una stagione ottimale per le piante del tè, che necessitano di meno input chimici per proteggerle o potenziarle ”, precisano Pierre e Florian del Parti du thé, un negozio specializzato a Parigi. Ma attenzione, come le foglie prese dalle cime delle piante di tè, il loro prezzo è vicino alle vette!

Infine, se il tè verde giapponese è più famoso alle nostre latitudini rispetto al cinese, il migliore va a braccetto con il mediocre di entrambe le origini. Pertanto, meglio chiedere consiglio in un negozio specializzato per iniziare.

CONSERVAZIONE, PREPARAZIONE: LE BASE DI UN BUON TÈ VERDE!

Il tè verde perde rapidamente il suo aroma perché la sua ossidazione è molto rapida. In bustina, quindi, meglio conservato in confezioni singole. Che sia sfuso o in borsa, generalmente può essere conservato al riparo dalla luce e, se possibile, in un luogo fresco e senza umidità. Se lo metti in frigo, mettilo in una scatola ermetica per non assorbire odori forti (cipolle, formaggi, ecc.).

L’acqua del rubinetto dovrebbe essere evitata se è ricca di calcare o cloro, che travolge gli aromi e rende il tè amaro. Preferiamo l’acqua in bottiglia, di sorgente o minerale, leggermente mineralizzata (Mont Raucous, Volvic…).

Anche le foglie di tè devono riscaldarsi alla giusta temperatura per esprimere tutta la ricchezza. I tè verdi fragili infondono circa 70-80 ° C contro 90 ° C per il tè nero. I video più visti su youtube Se non hai un bollitore con termostato, un trucco è portare l’acqua a ebollizione e poi aggiungere un quarto di acqua fredda prima di preparare il tè. Il tempo di preparazione è generalmente da 1 a 3 minuti per il tè giapponese e da 2 a 4 minuti per il tè cinese.

Tipi di tè sfuso

Se il tuo tè è sfuso, sono disponibili diversi tipi di filtri. Carta usa e getta, tessuti riutilizzabili, palline o filtri metallici … Se alcuni esperti ritengono che questi materiali a volte possano instillare un leggero retrogusto nell’infuso. Questo effetto rimane molto modesto. Tuttavia, evitare di utilizzare lo stesso filtro riutilizzabile per i neri solidi (tè affumicato, ad esempio) o per i tè profumati e verdi. L’importante è scegliere un contenitore abbastanza grande da consentire alle foglie di dispiegarsi a contatto con l’acqua. E offrono tutto il loro sapore. Non è necessario riempire il filtro come il focolare di una pipa. L’adagio utilizza 2 g di tè per 20 cl di acqua.

Infine, un tè di qualità dovrebbe essere bevuto subito dopo la sua infusione. Si prega di non metterlo in un thermos perché il suo sapore si deteriora rapidamente! D’altra parte, puoi infondere più volte tè di qualità per supportare fino a 3 o anche quattro infusi. L’unica differenza tra le bevande successive. La caffeina (o teina, che è la stessa molecola) ha estratto per oltre l’80% nella prima infusione.

READ  Una guida agli alimenti a basso contenuto calorico: cosa devi sapere

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here